I concorsi
Protagonista per un giorno

Ecco i vincitori del concorso "Protagonista per un giorno" indetto dal Giralibro nell'anno scolastico 2000/2001.




Primi classificati:

Denis Zantomio, SMS Parini di Camposampiero (PD)
"Dopo aver letto il libro intitolato Tiro al piccione penso che vorrei essere il piccione. Nel libro il piccione mi stava tanto simpatico perché si vestiva come un umano, mentre l'essere umano si vestiva come un piccione.
Vorrei essere un piccione perché è sempre in volo e volare è una cosa che mi piace molto. Se lo potessi fare sentirei la mia gioia esplodere, sarei un ragazzo buono per tutta la vita. Se potessi volare nei momenti di tristezza vorrei raggiungere i posti più lontani dell'universo; vorrei volare silenziosamente nel buio attraversando mondi sconosciuti, puntando su una luce che brilla lontana.
Se potessi volare vorrei essere una piuma che si muove leggera nel cielo."
(Ispirato al libro Tiro al piccione di Jerry Spinelli, Mondadori)

Alice Franzon, ICS G. Tartini di Padova
"Perché a volte la tentazione di sdoppiarmi per condividere un dolore è grande. Perché so che non tutti i segreti hanno orecchie che possono ascoltarli. Perché ho imparato che spesso la realtà fa molto più male della fantasia. Perché sempre e comunque, lentamente e con fatica, sussurando e infine esplodendo, dal dolore sono riuscita a venir fuori.
Ricordando che in fondo a un lungo corridoio scuro c'è sempre una porta di luce.
Per tutto questo, amo rispecchiarmi in Carolyn, una ragazza a cui qualcuno cercò di soffocare la gioia della giovinezza.
Ma non ci riuscì, perché vinse lei."
(Ispirato al libro Zio Vampiro di Cynthia D. Grant, Mondadori)

Sonia Ponzo, SMS Bernardo Chiara di Torino
"Matilde è una bambina fuori dal comune. Intelligente, forte e coraggiosa. Vorrei avere la sua determinazione per vincere le avversità e per superare gli ostacoli. Vorrei riuscire, come lei, a non perdere mai la speranza. Vorrei poter pensare alle cose gioiose quando mi trovo davanti solo quelle tristi. Vorrei essere come Matilde per sognare un mondo diverso. Un mondo fatto dalle persone altruiste, generose, buone di cuore, capaci di aiutare gli altri senza avere secondi fini. Persone che come Matilde si ingegnano, corrono dei rischi, fanno di tutto per rendere la vita migliore alle persone a cui vogliono bene. Un mondo perfetto non esiste. Un mondo migliore, sì. Le persone perfette non esistono. Le persone migliori, sì. Matilde non esiste. Io sì."
(Ispirato al libro Matilde di Roald Dahl, Salani)



Secondi classificati:

Debora De Stefano, SMS F. De Sanctis di Villanova del Battista (AV)
"Io, se fossi Giuseppe Granseola, starei con Gwendaline in Florida con lei a continuare la luna di miele, in quella bella città, dove il cielo è formato dalle trasparenze del mare dei Caraibi, e il vento soffia dolcemente."
(Ispirato al libro L'abisso di Atlantide di Lorenzo Pinna, Editoriale Scienza)

Claudio Crovella, ICS Enrico Medi di Porto Recanati (Mc)
"Io vorrei essere la neve perché non si sa mai quando arriva, ma quando arriva, così piccola e così soffice, scende e si posa per terra, senza una forma, e poi diventa così tanta e così fredda che è capace di tenere le famiglie in casa, facendo trascorrere loro la giornata a fissare i fiocchi che scendono dolcemente, e rendendo tutte le città meno caotiche e tutte le persone più felici. Un altro motivo per cui vorrei essere neve è perché sarebbe bello cadere lentamente dall'alto."
(Ispirato al libro Tempo da lupi di Valerie Wyatt, Editoriale Scienza)

Benedetta Cremona, SMS Manfredini di Varese
"Se io potessi trasformarmi in Lavinia, una piccola peste protagonista del libro, mi divertirei moltissimo e sistemerei molte ingiustizie. Anche se è un personaggio fantastico è una monella senza pizzetti e puzza sotto il naso.
Se avessi i suoi poteri tanti cartelli pubblicitari concimerebbero i giardini pubblici insieme a molti presentatori televisivi con le loro inutili trasmissioni.
Certo ci sarebbe un po' di puzzetta in giro se possedessi l'anello magico, ma non sempre le cose profumate sono le migliori."
(Ispirato al libro L'incredibile storia di Lavinia di Bianca Pitzorno, EL)


Terzi classificati:

Matteo Sampaolo, ICS Enrico Medi di Porto Recanati (Mc)
"Vorrei essere la lattaia per scoprire Olimpia e rovinarle l'avventura. La riporterei a casa sua e direi ai genitori di controllare che non diserti la lezione di pianoforte e se ne vada a zonzo con le streghe."
(Ispirato al libro Olimpia e le principesse di Sara Marconi, Feltrinelli)

Giovanni Floris, SMS annessa al Conservatorio Casella de L'Aquila
"Chi l'ha detto che la palestra non porta alla fortuna? Mi chiamo Matilda e pratico la kick boxing, odio il venerdì, la cotoletta e il latino. Vado in giro col mio scooter velocissimo per Bologna. Ho un amico Bolognese che ho salvato da un pestaggio. Con lui sto bene e mi diverto. Chi l'ha detto che un pollaio non porta la Felicità? Che i rovi fanno male? La mia vita è cambiata grazie a lui!"
(Ispirato al libro Corri Matilda di Simona Vinci, EL)


Francesca Riva, ICS Salvo D'Acquisto di Muggiò (MI)
"All'orfanotrofio tutti erano già andati a dormire, io però non riuscivo a prendere sonno! Mi alzai, andai vicino alla finestra e scorsi una grande ombra. Avevo paura, e se fosse stato un mostro?... No, era un grande uomo che maneggiava qualcosa, ma cosa?... Vorrei essere Sofia perché da questo momento in poi la sua paura si tramuta in un'appassionante avventura."
(Ispirato al libro Il GGG di Roald Dahl, Salani)

Nicolò Norberti, SMS Macchiavelli - Papini di Firenze
"Immagino di essere "......" del libro che non c'è: sono una pagina bianca; un personaggio di un libro che deve essere ancora scritto. Posso essere alto, basso, magro, grasso, bruno, moro, biondo, calvo, pavido, impavido, furbo, sciocco, buono, cattivo, ricco, povero, maschio, femmina, sincero, bugiardo... Dipende tutto dall'autore."
(Ispirato al libro: ... "che non c'è")

Federico Richichi, SMS G. Falcone di Palermo
"Mi chiamo Federico, ho dodici anni, vivo nelle strade di Juarez, una cittadina al confine del Messico per costruirmi una vita migliore e sfuggire alla fame e alla violenza.
Stasera partirò, darò l'addio a questa città che mi ha dato solo fame e dispiaceri.
Nel mio sacco porterò due polli e delle frittelle.
Finalmente! Ecco, sto per attraversare il confine, sono riuscito a passare! Il mio pensiero va ad un sergente che si è sacrificato per me, l'unico amico che ho avuto nella mia vita."
(Ispirato al libro Oltre il confine di Gary Paulsen, Mondadori)

Le altre scuole premiate

SMS Leonardo Da Vinci, di Figline Valdarno (Fi), con Luca Dominaci
SMS Mons. Manfredini, di Varese, con Marta Noseda (I A)
SMS Nicoli, di Settimo Torinese (To), con Valerio Bono Roch (II E)
Istituto Comprensivo di Lanzara (Sa), con Carmela Gubitosa (II C)
SMS Manzoni, di Verona, con Nicolò Ferrarese (I A)
Istituto Comprensivo S. D'Acquisto, di Muggiò (Mi), con Valeria Polimeni (I C)
SMS Mameli plesso Falconetto, di Padova, con Giulia Gollin (III F)
SMS annessa Istituto d'Arte di Monreale (Pa), con Domenico Morello (I D)
SMS Perotti, di Torino, con Alberto Nigra (II C)
SMS Nucula, di Terni, con Noemi Rocco (II G)
SMS Anna Frank, di Mondovì (Cn), con Giulia Bisio (II I)
SMS Marco Fanno, di Saonara (Pd), con Lara Favaron (II)
SMS Vicentini, di Chieti, con Martina Di Fabio (I B)
SMS Pancrazi, di Fratta-Cortona (Ar), con Davide Lucarini (II D)
Istituto Comprensivo di Revello (Cn), con Giorgia Fiorenza (I B)
Istituto Comprensivo di Andorno Micca (Bi), con Elisa Ramella (II B)