I concorsi
Non leggere! Scrivi...

Ecco i vincitori del concorso "Non leggere! scrivi..." indetto dal Giralibro nell'anno scolastico 2003/2004.




Primo classificato:

Silvio Bongiovanni, II B, Istituto Comprensivo De Amicis, Tremestieri Etneo (CT)
"Tre storie, tre vite, tre realtà"
Buio, speranza, benessere, chissà cosa ci sarà lì fuori
Luce vedo luce poi un seno nero, bevo, mmm che buono ancora
No ancora aspetta ti prego dammene ancora
Ho 3 anni è di nuovo buio, né speranza né benessere solo fame

Buio, speranza, benessere, chissà cosa ci sarà lì fuori
Luce vedo luce poi un burka, forse lei mi sorride
Un boato tutti gridano, forse lei piange
Ho 11 anni è di nuovo buio, né speranza né benessere solo guerra

Buio, speranza, benessere, chissà cosa ci sarà lì fuori
Luce vedo luce poi una morbida vestaglia di seta profumata
Lei mi sorride mentre io bevo a sazietà, musica, giocattoli, serenità
Ho 81 anni è di nuovo buio ho avuto speranza e benessere adesso posso andare

Questo è il libro che sogno di scrivere
Tre vite, tre storie, tre realtà
Milioni di anime

Secondi classificati:

Veronica Sasso, III A, Istituto Comprensivo Palermo, Gesualdo (AV)
Porterò con me tutti i libri che contano, solo i libri che contano e come Alice andrò in giro in un mondo di meraviglie dove ogni fiore ha il suo profumo, l'acqua è sempre limpida come alla fonte, gli uccellini che cadono dai nidi sono raccolti e curati. In gabbia ci saranno gli uomini-avvoltoio, gli uomini-squalo, gli uomini-topo, gli uomini-volpe, gli uomini-coniglio, gli uomini-rospo e io passerò davanti a loro senza fermarmi, serena come gli uomini veri, libera come gli animali veri. E salirò su treni senza bombe, acquisterò amuleti e coriandoli in mercatini senza kamikaze, userò il sorriso e una stretta di mano per salutare chi mi verrà incontro con parole straniere e mani colorate. E farò in modo che nessuno torni indietro da questo mondo dove piccole donne crescono senza permessi né divieti, dove puoi nascere e morire, in pace, quando vuoi.

Martina Brancato, III D, Scuola Media Golfo Paradiso, Recco (GE)
…Jack lasciò la locanda la mattina dopo, quando ormai la burrasca era scoppiata. C'era un cielo strano, di quelli che corrono veloci, hanno voglia di distruggere. Soffiava il vento, forte, pesante, ma senza far rumore. A Jack piaceva camminare, gli era sempre piaciuto. Prima di partire prese la sua valigia e la borsa piena di carta insignificante, e si avviò lungo la strada che se ne andava lentamente catturata dal mare. Camminava veloce, senza voltarsi mai. Così non la vide, la locanda Balera, staccarsi da terra improvvisamente disfarsi in mille pezzi che salivano tristi nell'aria, scendevano e salivano senza mai fermarsi. Volavano, e tutto portavano con sé, lontano, anche quella terra e quel mare a Jack tanto cari, e le parole e le storie, tutto, chissà dove, nessuno lo sa. Passò qualche secondo e un'onda gigantesca travolse improvvisamente il povero Jack, che rimase sdraiato a terra, senza poter muovere un dito per salvarsi, ma con un enorme sorriso sul viso che lo rendeva felice.

Terzo classificato

Pietro Dumitrascu, II A, Scuola Media Tartini, Chiesanuova (PD)
L'alba sorgeva sul mare. Era inverno, mancava poco a Natale. Pensando a Natale Marco ebbe un brivido. Il primo Natale, loro due insieme senza la madre, chissà se papà avrebbe voluto festeggiare come se fosse una domenica qualsiasi, quando si lavora e poi ci si reca alla Messa. Allunga un po' il passo, dai…Marco si affrettò ma inciampò su una radice di pianta che attraversava il sentiero. Dovevano assolutamente arrivare in tempo alla Messa mattutina come quando la mamma era con loro. Poi ci fu il pranzo e il padre cercò di fare del suo meglio. Un tacchino ripieno era in mezzo alla tavola, da bere vino e latte. Si guardarono negli occhi e pensarono a quel posto vuoto. Cacciarono indietro le lacrime, poi il papà interruppe il silenzio:"Cosa vuoi figliolo, latte o vino?" "Vino" rispose Marco, perché adesso si sentiva grande. Parlarono tutta la notte, come non era mai successo.


Le altre scuole premiate

• SMS Einaudi di Malcontenta (VE), con Rebecca Andruetto, I B
• SMS Vivaldi di Torino, con Chiara Chiolini, III F
• SMS Addobbati di Trieste, con Laura Dequal, I F
• SMS Roncalli di Pistoia, con Giulia Romagnani, III H
• SMS Bozzi di Pontedilegno (BS), con Nicola Bulfaretti, I A
• SMS Faccio di Castellamonte (TO) con Giulia Ubertallo, III
• ICS Della Torre di Gradisca d'Isonzo (GO) con Luca Visintin, II C
• SMS Manzoni di Vimercate (MI) con Gianluca Bonsanto, I C
• SMS Gobetti di Rivoli (TO) con Pietro Costa, II H
• SMS Cappella-Curzi di Porto d'Ascoli (AP) con Sara Falleroni, II H
• Istituto San Luigi di Bologna, con Alessandra Voltarelli, III A
• SMS Jaquerio di Buttigliera Alta (TO), con Irene Chiarle, III C
• SMS Pertini di Reggio Emilia con Ada Rossella Iandoli, II A e con Giulia Bassi, II B
• SMS Chiossone di Arenzano (GE) con Giulia Apruzzese, laila Burgio, Ilaria Porcu, III D