Ricerca avanzata
JACK LONDONJack London nacque a San Francisco nel 1876, trascorse un'infanzia difficile in un ranch, e a quindici anni, dimostrando subito un temperamento avventuroso e irrequieto, si imbarcò come mozzo; da questo momento in poi ebbe una vita tormentata e vagabonda, fece ogni genere di mestiere, pescatore, marinaio, guardacoste; andò in Alaska con i cercatori d'oro, al ritorno decise di dedicarsi alla letteratura, ottenendo un buon successo anche se scrivere non fu mai la sua vocazione né il suo sogno. Il suo vero desiderio fu viaggiare, e perciò come reporter andò in Estremo Oriente durante la guerra tra cinesi e giapponesi; al rientro riuscì a realizzare l'aspirazione della sua vita: si fece costruire un vascello, lo Snark, a bordo del quale partì per il giro del mondo, arrivando fino in Australia. Morì suicida nel 1916.
IL RICHIAMO DELLA FORESTANord America, fine Ottocento, inizia la corsa all’oro: anche Buck, cane bellissimo, forte, fiero, viene rubato e venduto per il carico delle slitte da carico. Abituato fino ad allora alla vita della città, all’affetto della famiglia in cui viveva, al rispetto degli uomini, Buck deve imparare a lottare per la sopravvivenza, ad affrontare e sopportare il freddo, la fame, la fatica. Cambia vari padroni, alcuni bravi, intelligenti, generosi, altri incapaci, violenti e crudeli; e poco a poco, vivendo nella foresta, inizia a sentire un richiamo istintivo che lo porterà a lottare e poi a unirsi a un branco di lupi, di cui diverrà il capo.

Mursia